Se ti stai chiedendo come si fa a creare una mailing list sei finito nell’articolo giusto.

La creazione di una mailing list può giocare un ruolo decisivo nello sviluppo del tuo business. Abbiamo sottolineato ripetutamente negli altri articoli l’importanza dell’email marketing come una delle attività di web marketing più cruciali.

L’email marketing costituisce un elemento fondamentale per la crescita di un progetto, e la creazione di una mailing list rappresenta il primissimo e fondamentale passo in questa direzione, capirai più avanti quali sono i suoi straordinari vantaggi.

Ma ora iniziamo dalle basi! Sei pronto?

Cominciamo!

Che cos’è una Mailing List? Significato e Definizione

Una Mailing List, nel contesto del marketing digitale, costituisce una curata selezione di contatti utenti. Questo elenco prende forma grazie alle iscrizioni al tuo database attraverso uno specifico modulo di registrazione.

Questo modulo o form, si colloca in un preciso punto di acquisizione, permettendoti di organizzare le liste in base all’utilizzo e all’origine del contatto o lead. Sapere da dove gli utenti si registrano piò essere utile per organizzare le tue liste.

Ma entreremo in dettaglio su questo aspetto a breve.

Obiettivo di una mailing list

L’obiettivo primario di una Mailing List è generare un elenco di contatti di persone interessate al tuo business, a cui saranno inviate comunicazioni tramite email marketing e newsletter.

Queste comunicazioni possono variare, spaziando tra contenuti commerciali, di intrattenimento o informativi. Il tuo compito consiste nell’invio di newsletter ed email marketing personalizzate, mirate agli interessi specifici di ciascun utente e ottimizzate per conseguire il tuo obiettivo.

Per illustrare ulteriormente, chi decide di iscriversi alla newsletter di Consulenza Email Marketing ha un interesse specifico nel ricevere regolarmente informazioni, consigli e suggerimenti relativi a come utilizzare l’email marketing per migliorare la propria comunicazione ottimizzando le risorse, aumentare il coinvolgimento degli utenti e incrementare il proprio fatturato.

Per essere ancora più specifici, le nostre comunicazioni saranno allineate e personalizzate in base al settore di competenza o gli interessi del contatto.

Ogni Mailing List si caratterizza per contenuti unici, creati su misura per rispondere a obiettivi differenziati. Emerge chiaramente che una Mailing List ottimizzata rappresenta il primo fondamentale passo verso il successo del tuo business.

3 vantaggi unici sul perché creare una Mailing List

Creare una Mailing List rappresenta il passo iniziale fondamentale per intraprendere la lead generation o generazione di contatti, un processo cruciale per acquisire i contatti di potenziali clienti e migliorare con successo la comunicazione della tua azienda. Questo avviene per almeno tre motivi distinti:

  1. Creazione di un bene proprietario indipendente: La costruzione di una lista di contatti email diventa un autentico asset proprietario, dotato di un valore tangibile per l’azienda.

    Questo asset può essere convertito in valore economico e di attenzione del pubblico attraverso strategie di email marketing, contribuendo alla fidelizzazione del pubblico attraverso l’invio regolare di newsletter.
  2. Nutrimento e Creazione di Relazioni: L’invio periodico di newsletter offre l’opportunità di fornire contenuti di valore agli utenti della mailing list, alimentando il pubblico con informazioni interessanti e utili, il concetto della freemium economy o economia della gratuità, ne parleremo più nel dettaglio in un altro articolo.

    Nel tempo, si instaura una relazione autentica, in cui le persone non solo anticipano con entusiasmo le tue email, ma sono anche più propense a interagire e a considerare l’acquisto dei tuoi prodotti o servizi.
  3. Promozione di nuovi prodotti e aumento delle conversioni: Nel contesto attuale, la casella email ha raggiunto una rilevanza simile a quella degli SMS o delle chat, accessibile a chiunque tramite una notifica sullo smartphone.

    La facilità con cui gli utenti possono cliccare su un link ricevuto via email per esplorare nuovi servizi, prodotti o promozioni aumenta notevolmente le conversioni, facilitando gli acquisti in pochi passaggi, dandoti la possibilità di incrementare il fatturato.

Approfondimento sicuramente l’argomento di acquisizione lead, più avanti creeremo una guida o un articolo che possa fornirti le giuste informazioni per iniziare a mettere in pratica quello che stai imparando, se non vuoi aspettare puoi contattarci e richiedere una consulenza gratuita.

Come creare una mailing list da zero

Se hai preso la decisione di avviare la tua Mailing List o di perfezionare quella già esistente, esploriamo insieme i passi importanti da seguire.

  1. Scegli la piattaforma di Email Marketing adatta al tuo Business: Al primo passo, individua la piattaforma di email marketing più idonea al tuo business, sulla quale costruire e gestire la tua Mailing List, inviando email e newsletter.

    Hai capito bene. Non puoi usare Outlook, ci dispiace averti dato una brutta notizia!

    Le opzioni sono molteplici, ognuna con punti di forza specifici che la rendono più o meno adatta a diverse tipologie di business e obiettivi. Considera aspetti come le performance, la creatività nella creazione di email e funzionalità indispensabili per le tue necessità.

    Ci sono anche soluzioni relativamente economiche che potranno fare al caso tuo per iniziare.
  2. Crea un Irresistibile Lead Magnet: Dopo aver selezionato la piattaforma, il consiglio è di creare un lead magnet, uno strumento di marketing che offre contenuti gratuiti per catturare l’attenzione degli utenti e incoraggiarli a lasciare il loro contatto email, contribuendo così a popolare la tua Mailing List.

    Questo tipo di contenuto è cruciale, seguendo il principio della reciprocità di Cialdini: “se ti dono qualcosa, sentirai il dovere di contraccambiare“.

    Un esempio pratico: se vuoi scoprire il Lago di Como e sapere cosa puoi visitare e vai sulla pagina di acquisizione di partner come Larius Way, potresti iscriverti alla newsletter e ricevere come promesso una guida gratuita dei 5 posti più ricercati dalla community.

    In questo modo, otteniamo un nuovo contatto da inserire nella Mailing List, e l’utente riceve in cambio un contenuto gratuito.
Hai bisogno di una consulenza gratuita?

Lead Magnet Efficace: fondamentale per il successo

La creazione di un lead magnet efficace rappresenta un passo cruciale nel processo di acquisizione contatti. Ecco alcuni consigli chiave per massimizzare la sua efficacia:

  1. Rifletti la tua proposta di valore: Il lead magnet deve essere una versione concisa e riflessa della tua value proposition, ovvero di ciò che proponi come prodotto o servizio. Essendo la porta d’ingresso, deve essere compatto ma sempre una replica esatta dell’offerta principale.
  2. Contenuto veloce e diretto: Scegli un contenuto che sia rapido da consumare e diretto, offrendo informazioni chiare e facilmente assimilabili. Per esempio un piccolo documento pdf o ebook con dei consigli o suggerimenti.
  3. Specificità e valore tangibile: Assicurati che il lead magnet sia specifico e offra un valore immediato. Gli utenti devono poter mettere in pratica le informazioni fornite, generando fiducia nel tuo brand.
  4. Problema > Agitazione > Soluzione: Segui la formula problema-agitazione-soluzione, simile alle landing page. Identifica un problema, amplificalo per suscitare interesse e poi fornisci una soluzione chiara e concreta.
  5. Call-to-Action (CTA) per approfondire: Oltre al contenuto gratuito, inserisci una CTA finale o invito all’azione che inviti gli utenti a scoprire di più. Ad esempio, crea un link che li conduca a ulteriori dettagli o risorse.

Oltre al principio della reciprocità, che spinge gli utenti a condividere i propri dati in cambio di valore, il lead magnet deve trasmettere autorevolezza, costruire fiducia e presentare evidenze di successo da parte di altri consumatori (principio della riprova sociale).

Questo contribuirà a consolidare la tua posizione e a stimolare la conversione.

Vedremo in un articolo dedicato i principi di persuasione che possono aiutarti a migliorare esponenzialmente il successo di ogni tua comunicazione, che sia per email o altri canali.

Implementa una Strategia di Costruzione del Database

È fondamentale sviluppare una robusta strategia di costruzione del database per mantenere costantemente attiva la tua lista di contatti.

È essenziale comprendere che esistono varie modalità e canali per incoraggiare le persone ad iscriversi alla tua mailing list. Ecco i principali:

  1. Sul sito web con modulo di Iscrizione e Pop-Up: Ogni sito web dovrebbe includere un form di iscrizione alla newsletter, in quanto i visitatori manifestano già un interesse verso i tuoi prodotti e/o servizi.

    Puoi posizionare un modulo o un pop-up sulla parte della pagina che preferisci, attivandolo dopo un certo periodo di permanenza dell’utente.
  2. Attraverso i Social Media, inclusi Facebook, Instagram e YouTube: I social network sono potenti mezzi di attenzione. Facebook, ad esempio, offre la possibilità di integrare un modulo di iscrizione direttamente nella tua pagina. Inoltre, i principali social network consentono la creazione di campagne pubblicitarie lead, per ottenere i contatti delle persone interessate.
  3. Tramite Eventi Live: Gli eventi live offrono un’ottima opportunità per promuovere l’iscrizione alla tua mailing list.

    Durante tali eventi, l’attenzione e l’interesse sono massimi, rendendo i partecipanti inclini a condividere i propri contatti. Ad esempio, un artigiano in una fiera potrebbe raccogliere contatti attraverso un modulo post-acquisto.
  4. Distribuzione di Adesivi o Biglietti da Visita con QR Code: L’uso di adesivi o biglietti da visita con QR code è un metodo efficace. Gli utenti possono scansire il codice per essere indirizzati al tuo sito web, dove potranno trovare un pop-up di iscrizione alla newsletter.

    Ci sono anche degli ottimi strumenti che puoi utilizzare per generare dei QR code dinamici, così da poterli aggiornare nel tempo senza dover cambiarli ogni volta.

    Uno che utilizziamo spesso è LinkTree.

In molte occasioni, gli eventi live e le esperienze in-store, anche gratuite, sono esclusive per i sottoscritti alla newsletter, incentivando molti a iscriversi per partecipare. Questo crea un legame forte e unico con la tua audience o pubblico.

Utilizza il Double Opt-In per contatti di qualità superiore

L’opzione di double opt-in rappresenta una conferma duplice della volontà di iscrizione a una newsletter.

Mailing List: Come funziona la doppia conferma?

Dopo aver compilato il form dedicato all’iscrizione alla tua mailing list, l’utente riceverà una email in cui gli verrà chiesto di confermare l’indirizzo email e la volontà di ricevere periodicamente le tue email.

Quali sono i vantaggi?

  1. Contatti di maggiore qualità: Chi conferma tramite il double opt-in dimostra un reale interesse nel ricevere le tue email, aumentando la propensione a una conversione.
  2. Evita lo spam: Grazie al doppio opt-in, le tue email hanno minori probabilità di essere filtrate come spam nella casella dell’utente.
  3. Riduce il tasso di rimbalzo: Il tasso di rimbalzo aumenta quando l’utente non apre le tue email, indicando un calo di interesse o l’uso di un indirizzo email non valido. Il double opt-in contribuisce a diminuire questo rischio.

Con la doppia conferma, anche se ripetuta nel tempo, puoi garantire che i contatti ottenuti siano utenti attivi, riducendo così il tasso di rimbalzo e aumentando la qualità complessiva della tua lista di contatti.

Segmenta i contatti e crea delle liste specifiche

Poco fa abbiamo detto che ogni utente registrato alla nostra lista contatti ha compilato un form specifico, in un determinato punto del funnel.

Quello che ti consiglio di fare è proprio segmentare questi utenti in liste specifiche, in questo modo stai iniziando a segmentare il tuo target.

Potresti avere, ad esempio, una lista di utenti che si sono registrati perché interessati a ricevere la tua newsletter, una lista di utenti che ha scaricato un tuo lead magnet (come un contenuto gratuito o freebie) e ancora un’altra lista di utenti che hanno acquistato un tuo prodotto, e così via…

Creare queste segmentazioni della mailing list ti permette quindi di indirizzare un contenuto specifico ad una lista di contatti specifica, ottimizzando così il tuo obiettivo.

Realizzate le segmentazioni andremo quindi a dare una nomenclatura specifica ad ogni lista contatti, così da sapere esattamente che contatti sono presenti in quell’elenco.

Tutto questo per riuscire a dare il tipo di comunicazioni che l’utente si aspetta di ricevere orientata all’obiettivo scelto, ma anche per semplificarci la vita con l’analisi dei dati di performance:

  • open rate: tasso di apertura, rispetto quelle inviate;
  • CTR: click to rate, interazione degli utenti ai link inseriti nella mail;
  • scoring: il punteggio che una lista ha nei confronti di una determinata azione degli utenti com il download di pdf, le visualizzazione di video o altri KPI (indicatore chiave di prestazione);
  • conversion rate: tasso di conversione di una lista verso un nostro prodotto;
  • unsubscribe: tasso di disiscrizione alle nostre mail. Ci aiuta a per capire quali mail non hanno avuto successo e ad analizzare meglio il target;
  • feedback degli utenti: risposte, positive o negative, che i clienti inviano direttamente dalle mail che ricevono.
Hai bisogno di una consulenza gratuita?

Consigli pratici per Gestire una Mailing List di alta qualità

  • Evita assolutamente l’acquisto di database di contatti: Oltre a violare il GDPR, possedere una mailing list ricca di contatti non in target può compromettere il tuo open rate e portare a finire nelle caselle spam, minacciando gli invii futuri e riducendo le conversioni.
  • Mantieni un contatto attivo con i tuoi iscritti: Interrompere l’invio periodico dei tuoi contenuti può diminuire la fiducia degli iscritti e addirittura portare a finire nella cartella spam dopo un certo periodo di inattività.
  • Metodi per gestire i bounce: I bounce, ovvero i rimbalzi, possono essere divisi in hard bounce (errori permanenti) e soft bounce (errori temporanei). Elimina definitivamente gli indirizzi con hard bounce, mentre per i soft bounce verifica il successo dell’invio successivo. Se persistono per 2 o 3 invii, inserisci anche quelli in blacklist.
  • Elimina gli indirizzi email generici: Indirizzi come “info@marketing.it” non contribuiranno ai tuoi obiettivi e possono peggiorare i tuoi KPI. Pulisci la tua mailing list da questi indirizzi per ottimizzare la tua campagna email.

Mantenere la mailing list pulita è fondamentale per l’ottimizzazione della campagna email. È anche possibile implementare una strategia (automazione) che invia una mail agli utenti inattivi, invitandoli a riattivarsi. Se non rispondono, vengono eliminati dalla mailing list per mantenerla pulita e ottimizzata.

Conclusione

In questo articolo abbiamo esaminato come e perché creare una mailing list, sottolineando l’importanza di questa pratica nel contesto attuale e nell’ottica di incrementare il successo della propria azienda.

Se desideri passare all’azione, ora hai delle preziose informazioni che potranno aiutarti ad iniziare questo percorso nel migliorare la tua comunicazione, se invece desideri un aiuto e un supporto puoi richiedere una consulenza gratuita, vedremo insieme come poter implementare la giusta strategia per il tuo business.

A presto,
Mirko